“CURIAMOLI 4.0”: torna la campagna sms solidale del GFB Onlus

Per cambiare il destino di chi soffre di distrofia muscolare aiuta il GFB Onlus con un sms o una chiamata da rete fissa al 45521

Dal 4 al 17 febbraio è attiva la campagna solidale “Curiamoli 4.0” del GFB ONLUS” per sostenere la ricerca scientifica per la cura, attraverso la terapia genica, di una rara forma di distrofia muscolare (distrofia dei cingoli) che in poco tempo non permette più di camminare, poi di respirare e poi ferma il cuore.

Con un SMS o una chiamata da rete fissa al 45521, sarà possibile sostenere il GFB ONLUS, gruppo di famiglie con persone affette da questa rara malattia, che dal 2012 finanzia progetti di ricerca scientifica sulle distrofie dei cingoli e in particolare la LGMD2E o deficit di Beta-sarcoglicano. Attualmente sono 245 i pazienti sostenuti dall’Associazione in tutto il pianeta.

Non esiste ancora una cura per la distrofia dei cingoli, ma grazie alla terapia genica sarà possibile migliorare la qualità di vita di chi è affetto da questa malattia. I pazienti potranno avere dei miglioramenti, riducendo così i sintomi della malattia e potranno raggiungere una maggior autonomia nei loro progetti di vita riuscendo a sviluppare uno stile di vita più attivo e diversificato. Proprio a novembre 2017, sono stati pubblicati incredibili risultati ottenuti dalla terapia genica sui primi 15 bambini trattati a Columbus: ognuno dei pazienti era ancora in vita e, dei 12 bambini che hanno ricevuto la dose maggiore, 11 erano in grado di sedersi senza assistenza, 11 potevano deglutire autonomamente e parlare e 2 sono stati persino in grado di camminare. L’obiettivo è di continuare ad applicare la terapia genica in modo modulare e ripetitivo, adattandola a varie malattie genetiche.

Ideata da Atlantis Company e realizzata dal network creativo Flowers Creative Network, la campagna è declinata in stampa, radio e banner.

#iltraguardoèvicino

Per saperne di più e sostenere il GFB Onlus: www.gfbonlus.it/sms/

tags:

Altri articoli